STAGE DI FORMAZIONE DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI
CASA-LABORATORIO DI CENCI 11/13 GIUGNO 2010

La casa-laboratorio di Cenci Casa.jpgAmelia, Terni, strada di Luchiano 13
tel. 0744980330 – www.cencicasalab.it/cenci








Osserva_alberi.jpg
Finalità:
Vivere un’esperienza nella natura per lo sviluppo
delle facoltà percettive
di ricettività degli stimoli ambientali
di osservazione

Sentiero.jpg



Sviluppo di una coscienza ecologica per la sostenibilità ambientale



Maria_prato.jpg




Apprendimento del rispetto per l’altro (natura, persone, mondo)



Palestrina.jpg



Conoscenza del gruppo e delle relazioni umane: gli altri come risorsa



Maria_Narrazione.jpg


Saper collegare mito, narrazione, astronomia, ambiente








Vivere un’esperienza di immersione in un “fuori luogo” ampliando tempi e spazi consueti di apprendimento


alba.jpgFuoco.jpg
La proposta educativa
La casa-laboratorio di Cenci è un centro di ricerca ecologica nato nel Lucio.jpg1980 che propone campi scuola residenziali.

Per affrontare gli squilibri ecologici bisogna ricostruire una relazione di fratellanza con gli elementi del cosmo. Ma per ritrovare una parentela con il vento, il bosco, la notte, la luna e l’acqua che scorre, bisogna compiere un viaggio di ricerca dentro di noi per aprire occhi ed orecchie e allargare il nostro sentire. Nella proposta educativa al centro c’è il corpo delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi, invitati ad esplorare gli elementi del paesaggio naturale e del proprio paesaggio interiore attraverso attività che richiedono silenzio, presenza e attenzione con attività espressive e creative (movimento, ritmo, canto e costruzioni con elementi naturali).

Fra i temi proposti:osserva_alberi_fiori.jpg

  • la narrazione come pratica di conoscenza di sé e degli altri
  • la relazione tra il narrare e l’ascoltare il mondo naturale
  • la riscoperta delle energie del corpo
  • la comprensione che non è possibile avere cura di noi stessi senza prenderci cura del pianeta che abitiamo






La struttura
La casa si trova nella campagna di Amelia ed è circondata da boschi di lecci e di querce. E’ un vecchio casolare contadino ristrutturato con due nuove costruzioni e può ospitare 35/ 40 persone. Dispone di cinque camere grandi e tre piccole, sette bagni con docce e acqua calda, una mensa e due grandi spazi con pavimento in legno per attività espressive e di movimento.
Da una grande nave in mezzo al prato è possibile osservare il cielo notturno.
Casa_prato.jpgNave.jpg

Attività educative svolte
Di seguito si possono vedere degli estratti video di alcune delle attività svolte durante il soggiorno.

  1. Attività iniziale di riscaldamento: canto "Vanvivevan" in cerchio, tutti assieme.
  2. Attività serale: canto "Vanvivevan" in cerchio, tutti assieme, davanti al fuoco.
  3. Attività notturna: la veglia del fuoco. Durante la notte, a turno, ogni ragazzo ha vegliato per un'ora il fuoco. C'erano 4 fuochi, tre per i ragazzi e uno per gli adulti. Ognuno aveva il compito di mantenere per un'ora il fuoco ricevuto dal compagno precedente e lasciarlo a quello seguente.
  4. Attività di mattina: escursione nel bosco. Osservare gli elementi della natura, cercare tracce di animali, ascoltare i suoni della natura.
  5. Attività di pomeriggio: guidare un compagno bendato in un prato usando un richiamo acustico concordato.
  6. Attività di mattina: imparare una sequenza di movimenti di attacco e difesa con i bastoni "Kalaripayattu". Ognuno si è preparato il proprio bastone di bambu, ha scelto un compagno ed eseguito progressivamente i movimenti che la conduttrice insegnava.
  7. Attività notturna: osservazione del cielo stellato.
  8. Attività di mattina presto: visione dell'alba del nuovo giorno. Alle 3:00 di notte sveglia per tutti. Dopo essersi adeguatamente preparati, siamo andati in cima ad una collina a vedere sorgere il sole all'orizzonte del nuovo giorno.
    .