MAPPATURA E CLASSIFICAZIONE BOTANICA



degli spazi verdi cittadini interessati dalle linee del PEDIBUS,
con la collaborazione
degli esperti dell'Associazione Orienteering Swallows Noale
e del prof, Nevio Anoè esperto botanico,


LA CITTÀ VERDE, LE PIANTE E … LE NOSTRE PIANTE

Valorizzazione del verde pubblico
attraverso la mappatura dei giardini e delle essenze presenti.






Quadro di riferimento e motivazioni


Anno scolastico: 2008-09
Classi: quattro classi quarte, due tempo normale e due a tempo pieno.
Numero alunni: 73 allievi.
Insegnanti di classe: 4 tempo pieno, 4 tempo normale


Aspetti essenziali del progetto

Il progetto è stato ideato come coerente prosecuzione del lavoro degli anni precedenti, tutti informati al coinvolgimento attivo dei bambini nella progettazione partecipata e tutti insiti nel più vasto tema conduttore della “Città dei bambini e delle bambine”. In particolare ci si riferisce al “Progetto PEDIBUS” a.s. 2005-06, al progetto “Percorsi Sicuri” del 2006-07 finalizzato alla realizzazione di una “mappa affettiva” (si veda allegato Allegato38_Mappa affettiva.pdf) e al progetto “Penso, progetto, proteggo il mio giardino” dell’a.s. 2007-08 avente come oggetto il nuovo giardino scolastico.
Con il progetto relativo a questo a.s. i bambini hanno realizzato, da protagonisti, il rilevamento cartografico e botanico degli spazi verdi cittadini che insistono sulle linee del PEDIBUS e che quindi vengono regolarmente attraversati dai bambini o frequentati dagli stessi per giocare.


Intervista dell'architetto Massimiliano Manchiaro all'insegnante Andrea Levorato esperto di orienteering e cartografia che ha curato la realizzazione del progetto sulla "mappatura botanica delle aree verdi" attraversate dal PEDIBUS di Martellago e del progetto sulle "mappe affettive".

Finalità

Con questo lavoro la scuola si è proposta di raggiungere tre ordini di scopi:
1- Didattico:
a. far acquisire ai bambini alcune conoscenze e competenze di cartografia e orientamento in gran parte trasversali ai contenuti scolastici dell’area antropologica e tecnico-scientifica, applicandole poi in un contesto di scoperta e di esplorazione;
b. sviluppare nei bambini la capacità di riconoscere le principali essenze presenti nel nostro territorio mediante una procedura codificata, la consultazione di testi specialistici e la realizzazione di apposite schede.
2- Educativo:
sviluppare nei bambini il rispetto e la cura per l’ambiente, a partire da quello più vicino a loro per logistica e interesse.
3- Sociale:
a. contribuire al miglioramento della qualità della vita cittadina (nonché alla crescita della sensibilità e della cultura ambientale) elaborando dei prodotti - le mappe - che opportunamente riprodotte e collocate nel territorio andranno a valorizzare gli spazi rappresentati;
b- fornire all’Ufficio Tecnico comunale una serie di dati attualmente sconosciuti all’amministrazione pubblica (quantità, tipologia, collocazione delle essenze arboree nel territorio cittadino).