Depliant_opt.jpgLaboratori ed incontri con i Nats
sindacati dei bambini e degli adolescenti lavoratori
in collaborazione con l'associazione del commercio equo solidale Pachamama


NATs per... - Onlus Rete di amicizia e sostegno con i bambini lavoratori e di strada del Sud del mondo
Diritti umani in azione:
infanzia, lavoro, protagonismo

NATs per... - Onlus sostiene da dieci anni questi movimenti con alcuni progetti di cooperazione decentrata in Colombia, Perù, Venezuela e Guatemala, oltre ad aver definito una proposta extracurriculare per promuovere l'idea del lavoro minorile, ma soprattutto del protagonismo posta dai NATs.
Parlare di lavoro minorile, molto spesso rimanda ad un'immagine negativa, di sfruttamento, di esclusione sociale, di bambini a cui è negata l'infanzia. È una situazione certamente reale, e che va contrastata, ma l'eliminazione del fenomeno, non è l'unica strada percorribile. I movimenti NATs (Ninos, Ninas y Adolescentes Trabajadores) sono una risposta alternativa allo sradicamento del lavoro infantile, così come promosso dalle organizzazioni internazionali come l'ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro). Questi movimenti, nati negli anni '70, propongono una lettura differente del problema, cercando di attivare processi che permettano la presa di coscienza da parte degli stessi bambini e adolescenti lavoratori, della loro condizione, affinché siano consapevoli del loro contesto, ma soprattutto dei loro diritti. Attraverso una cittadinanza attiva, che questi movimenti chiamano "protagonismo", i NATs partono dalla constatazione dell'esistenza di condizioni di vita avverse, in cui il lavoro, in determinate condizioni, può anche essere un momento di crescita e di formazione, che non nega l'istruzione e la ricreazione, tipici elementi dell'infanzia.


OBIETTIVI
· Presentare due diverse visioni di lavoro minorile, in particolare la visione abolizionista e quella di valorizzazione critica del lavoro minorile.
§ Far riflettere sui concetti di protagonismo vissuti dai movimenti NATs per sviluppare una cittadinanza attiva nei diversi ambiti di vita.
· Stimolare la collaborazione ed il dialogo tra i compagni a partire dalla loro esperienza personale nei vari contesti di vita.
· Confronto con esperienze di vita dei bambini lavoratori (NATs) che provengono da contesti socio culturali diversi nell'ottica dell'educazione interculturale.

Attività con il Consiglio Comunale dei Ragazzi 2010
Il percorso si è sviluppato in 3 incontri di 2 ore ciascuna.
Nel primo incontro si è introdotto il tema del lavoro minorile cercando di far emergere la cultura sottostante rispetto all'argomento, in modo da valutare quale sia la concezione degli studenti.
Il secondo incontro ha avuto lo scopo di analizzare assieme agli studenti quali sono le cause che provocano l'esistenza del lavoro minorile, introducendo l'argomento dei NATs, per valutare la possibilità di considerare le diverse identità del fenomeno.
Il terzo incontro si è focalizzato sui diritti dell'infanzia, cercando di far riflettere gli alunni su che cosa sia un diritto, su come questo possa essere esercitato in diversi contesti socio-economici sullo sfondo del fenomeno del lavoro minorile, su come lo stesso possa essere veicolo di attuazione delle proprie necessità. Inoltre vi è stata la visita e la discussione con una ragazza delegata dei NATs (Movimento dei bambini lavoratori), movimenti che hanno fatto proprio il diritto di partecipazione per poter migliorare le proprie condizioni di vita.

Slide presentate dalla delegazione NATs Paraguay al Consiglio Comunale dei Ragazzi di Martellago, 18 marzo 2010.