ARTICOLAZIONE DELLE ATTIVITA'

NOTE ORGANIZZATIVE

  • Il Consiglio Comunale dei Ragazzi si riunisce in media una volta al mese per tutta la durata dell’anno scolastico.
  • Ogni incontro dura in media due ore.
  • Il primo incontro (insediamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi con i nuovi eletti) e l’ultimo incontro (presentazione dei progetti del Consiglio Comunale dei Ragazzi) si tiene presso l’Aula Consigliare del Comune alla presenza del Sindaco, Assessori e Consiglieri adulti del Comune.
  • Gli altri incontri si tengono presso l’Aula magna dell’Istituto Comprensivo C. Goldoni di Martellago.
  • Gli allievi vengono accompagnati nelle sedi degli incontri dai propri genitori.

COMPOSIZIONE CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi è composto da un rappresentante per ogni classe quarta e quinta di scuola primaria e prima e seconda di scuola secondaria di primo grado delle scuole del Comune di Martellago.

ISTITUTO COMPRENSIVO C. GOLDONI MARTELLAGO
Martellago Primaria
4 rappresentanti classi quarte
4 rappresentanti classi quinte
Martellago Secondaria di primo grado
4 rappresentanti classi prime
4 rappresentanti classi seconde

ISTITUTO COMPRENSIVO MATTEOTTI MAERNE
Maerne Primaria
4 rappresentanti classi quarte
4 rappresentanti classi quinte
Maerne Secondaria di primo grado
4 rappresentanti classi prime
3 rappresentanti classi seconde
Olmo Primaria
2 rappresentanti classi quarte
2 rappresentanti classi quinte
Olmo Secondaria di primo grado
2 rappresentanti classi prime
2 rappresentanti classi seconde



Prima Fase: Le Elezioni


  1. Questa prima fase inizia con un incontro fra i coordinatori del C.C.d.R. e i docenti referenti delle classi quarte della scuola primaria e delle classi prime della scuola secondaria di primo grado. Scopo di questo primo incontro è quello di aggiornare i docenti sull’organizzazione del C.C.d.R., sugli impegni previsti e sulle tematiche che si prevede di affrontare (si veda l'Allegato9_ organizzazione Consiglio.pdf). Infine si informano le famiglie dell'iniziativa e si richiede il consenso alla partecipazione dei propri figli (durante gli incontri Istituzionali di presentazione delle attività e dei progetti e con materiale informativo, si veda ad esempio l'Allegato10A_presentazione CCdR genitori classi quarte.pdf).
  2. Segue poi una serie di attività in aula di sensibilizzazione delle classi quarte della scuola primaria (si veda ad esempio l'attività descrtta nell'Allegato3A_Interventi preparazione elezioni-Consigliere.pdf) e prime della scuola secondaria di primo grado sul significato della partecipazione democratica alle iniziative del Consiglio Comunale, sui ruoli e compiti all’interno del Consiglio e sulle azioni che esso svolge. Sono previste anche delle visite al Consiglio Comunale degli adulti dove il Sindaco e gli Assessori spiegano il loro operato e rispondono alle diverse domande degli allievi (si veda l'Allegato10_attività sensibilizzazione classi quarte.pdf).
  3. identikit_consigliere.jpgPrende avvio in seguito l’attività della campagna elettorale, dove ogni allievo che vuole essere candidato elabora un progetto per l’elezione a consigliere. In questa prima fase tutti gli allievi sono invitati a partecipare; verranno successivamente scelti 4 candidati in base alle caratteristiche personali che esprimono e alla natura dei progetti presentati (si veda l'Allegato6_progetti campagna elettorale.pdf).
  4. Si arriva infine alle votazioni vere e proprie. Una volta decisa la data è il Sindaco stesso che indice le elezioni (si veda l'Allegato11_manifesto elezioni.pdf). Il numero dei candidati per ciascuna classe non può superare le 4 unità e se in qualche classe i candidati sono in numero superiore a quelli consentiti è necessario effettuare delle elezioni primarie. Nello Statuto vi è un comma che garantisce che almeno la metà dei candidati deve essere femminile per consentire parità di possibilità sia ai maschi che alle femmine. Si vota usando delle urne fornite dal Comune o scatole sostitutive fornite dalla scuola. Ogni elettore può esprimere fino a 2 preferenze sulla scheda. Lo spoglio delle schede viene effettuato da tre alunni del gruppo di classi parallele cui si riferisce la votazione, scelti in classe prima del voto. I componenti dei seggi elettorali sono assistiti da un insegnante del gruppo di classi interessato alle elezioni (si veda l'Allegato12_ elezioni nuovi consiglieri.pdf).

.

Seconda Fase: Insediamento del C.C.d.R.

CCR_aula_consiliare2.jpg
In questa fase vi sono i primi incontri articolati nel modo seguente:

1. in primo luogo vi è l’insediamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi presso l’Aula Consigliare del Comune con la presenza del Sindaco, degli Assessori, dei coordinatori della scuola e del referente dell’Amministrazione Comunale. In questo primo incontro si tratta:
- accoglienza dei nuovi consiglieri (anche con messaggi di augurio:Allegato12A_Messaggi saluti benvenuti consiglieri.pdf)
- la conoscenza e l’eventuale riesame dello Statuto del Consiglio Comunale dei Ragazzi;- la raccolta delle proposte di lavoro (i programmi politici):
- elaborate durante la campagna elettorale dai nuovi consiglieri;
- definite dal C.C.d.R. al termine dell’anno scolastico precedente.

2. Segue poi un altro incontro per l’elezione degli incarichi istituzionali del Consiglio Comunale dei Ragazzi:
- Presidente e Vice Presidente;
- Segretario e Aiuto Segretario.

I candidati presentano il loro programma, fatto di intenzioni, idee, progetti ecc. Si passa poi alla votazione e alla nomina degli incarichi.


Terza Fase: I Programmi

Riunione_CCR.jpg
Una volta insediato il C.C.d.R. e definiti gli incarichi e i programmi di massima, si passa ad una serie di incontri dove si definisce il piano di lavoro annuale. In questa fase Il C.C.d.R. svolge i seguenti lavori:
    1. raccolta e presentazione delle proposte delle classi da parte dei consiglieri rappresentanti;
    2. istituzione delle tre Commissioni di lavoro e distribuzione dei consiglieri nei tre gruppi. La suddivisione avviene con i seguenti criteri:
      • ogni commissione è composta da un terzo dei consiglieri e deve esservi rappresentato ciascuno dei tre paesi che formano il Comune di Martellago;
      • i consiglieri esprimono la loro preferenza, in base ai loro interessi e ai tipi di progetti e relativi temi elaborati dalle classi che ogni consigliere rappresenta.

Quest’anno scolastico il C.C.d.R. si è articolato nelle seguenti Commissioni di lavoro:
  • COMMISSIONE n. 1: LA SICUREZZA DELLE STRADE DEL MIO PAESE E LA CURA DEL BENE PUBBLICO;
  • COMMISSIONE n. 2: GLI SPAZI DI INCONTRO NEL MIO PAESE;
  • COMMISSIONE n. 3: ABITIAMO IL MONDO: LA SOLIDARIETÀ.

Le Commissioni hanno svolto il loro lavoro in base ad un programma (si veda l'Allegato8_programma lavoro Commissioni.pdf) steso dai coordinatori e frutto:
  • delle attività svolte nell’anno precedente,
  • delle proposte presentate dai consiglieri,
  • delle proposte fatte dal Consiglio Comunale degli adulti o dagli Assessori,
  • dei problemi emergenti nella scuola e nella città.

Quarta Fase: Il Lavoro delle Commissioni

Gruppi_di_lavoro.jpg

In questa fase seguono una serie di incontri dove le varie Commissioni possono svolgere le attività in varie modalità:
  • in modo autonomo,
  • ogni Commissione suddivisa per ordine scolastico, o per scuole,
  • tutte insieme: per condividere il lavoro con tutto il C.C.d.R., discutere e prendere delle decisioni.

Le attività sono di ricerca, di studio, di progettazione, di discussione nelle classi ecc. Ogni Commissione, al termine dei lavori, elabora un documento che viene poi distribuito nelle varie scuole e presentato al Consiglio Comunale degli adulti (si veda ad esempio l'Allegato13_Lavoro ricerca spazi urbani.pdf, l'Allegato14_ questionario star bene negli spazi.pdf, l'Allegato15_sintesi attività di lavoro nelle classi.pdf, l'Allegato16_sintesi discussioni commissioni.pdf).
In questa fase ci possono essere anche degli interventi esterni, come per esempio associazioni, esperti dell'ambiente urbano della cittadinanza o della costituzione, amministratori ecc.

Quinta Fase: Conclusioni dei lavori

CCR_Aula_consiliare.jpg

    • In questa fase i coordinatori elaborano un documento conclusivo (si veda l'Allegato19_sintesi lavoro Commissioni.pdf) in cui vengono presentati le sintesi dei progetti ideati, studiati ed elaborati, dalle varie Commissioni nel corso dell’intero anno scolastico. Il documento viene discusso in Consiglio dove sono definiti i progetti che verranno sottoposti al Consiglio Comunale adulto.
    • Incontro di fine anno presso l’Aula Consigliare del Comune con il Consiglio Comunale Adulto. In quest’ultimo incontro si presentano i documenti finali dove sono definiti i progetti e le proposte che il Consiglio Comunale dei Ragazzi ha elaborato nel corso dell’anno. Il Sindaco e il Consiglio Comunale Adulto, prende atto dei progetti e delle proposte e in specifici tavoli tecnici ne valuta la realizzabilità.